L’innovazione in un settore come quello dei traslochi viene spesso sottovalutato e poco affrontato nello specifico. Con l’inizio di questo nuovo decennio l’azienda ha deciso grazie al supporto e all’implementazione successiva per mano di ingegneri qualificati nel campo delle nanotecnologie, di migliorare e ottimizzare tutti i processi e i servizi che l’azienda di Traslochi Di Maria offre ai suoi clienti da ormai più di 30 anni.

Che cosa sono le nanotecnologie ?

La nanotecnologia è la scienza capace di manipolare e organizzare i più piccoli elementi della materia. La parola “nano” viene infatti usata per descrivere particelle piccole come la milionesima parte di un millimetro. Questo significa che oggi la scienza ci permette di controllare la materia.

Come avviene la protezione dei materiali grazie a queste particelle?

Le nano particelle si dispongono sulla superficie e formano una barriera protettiva invisibile. La superficie quindi risulterà assolutamente inattaccabile da qualsiasi contaminazione esterna. Dopo l’auto-organizzazione queste rimangono fissate sulla superficie mentre i veicolanti evaporano, assicurando una protezione totale e duratura. L’energia di superficie della materia viene invertita da un alto livello ad un livello molto basso. Un livello di energia basso è molto importante per mantenere le superfici pulite. Un’alta energia di superficie invece, trattiene lo sporco.

Come possono essere implementate nel settore Traslochi e trasporti ?

Un azienda di Traslochi si occupa costantemente della sua flotta composta per lo più da furgoni e autoscale che impiega regolarmente per effettuare i vari traslochi.

Aumentare l’efficienza e diminuire i consumi e l’usura delle parti meccaniche, non sono vorrebbe dire diminuire i costi di manutenzione di tutti i mezzi, ma avere a piena operatività l’intera flotta, diminuendo sensibilmente gli interventi e i fermi in officina dei vari furgoni.

Grazie all’analisi dell’olio motore e dei suoi detriti, si potranno preparare miscele e mix di nanotecnologie in grado di aumentare di circa il 30% l’efficienza e la durata dei motori stessi. Per effetto endotermico il metallo si dilata e trattato con un mix di nanotecnologie viene diminuita la dilatazione e quindi anche il consumo e la pressione del pistone e contribuirà alla pulizia del motore e alla sua efficienza.

Questo particolare additivo crea un velo protettivo sulle parti meccaniche con cui va a contatto (pistoni, cilindri, turbine, pompe diesel, ecc.) riducendo gli attriti e – conseguentemente – la temperatura interna.

Questa e la nuova direzione che l’azienda Di Maria ha deciso di intraprendere già da qualche anno, guardando al futuro con l’uso di mezzi elettrici, e l’ottimizzazione dei mezzi più canonici presente già da decenni in azienda.

Nanotecnologie e azioni autopulenti per casse in PVC

Per quanto riguarda la pulizia e l’igiene di materiali come casse in PVC spesso utilizzate per immagazzinare oggetti di qualsiasi genere durante un trasloco, o anche per essere riposti nei nostri magazzini e depositi dislocati su Roma, abbiamo deciso di avvalerci di prodotti innovativi.

Un prodotto nanotecnologico in grado di proteggere qualsiasi superficie porosa. La peculiarità di questi prodotti risiede nella sua biocompatibilità, frutto di un’innovazione nanotecnologica.
Lavorando su una scala 100.000 volte più piccola del diametro di un capello umano, è stato possibile migliorare le proprietà dei materiali rendendoli più vantaggiosi dal punto di vista ambientale.

Il prodotto può essere applicato su una molteplicità di superfici e strumenti adoperati durante il trasporto o il trasloco. Le superfici e le attrezzature così trattate saranno più pulite e anche più sicure.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *