Abbiamo parlato molte volte di quanto può essere stancante e stressante un trasloco, sopratutto se si parla di un trasloco a Roma, dove il traffico, le zone e le strade non aiutano. Si sa la capitale è una città caotica e con oltre 3 milioni di veicoli in movimento tra moto auto e autocarri. Progettare un trasloco in questo caos sopratutto nelle ore di punta non è facile, e per non rimanere bloccati nel traffico bisogna conoscere tutte le strade e le eventuali strade periferiche.

Vuoi traslocare bene ? In questo articolo vi daremo 5 buoni consigli per organizzare al meglio il trasloco su Roma

1) Traslocare bene: Richiedere almeno 3 preventivi per traslochi 

Il primo passo è sicuramente trovare persone competenti in grado di svolgere il trasloco nel modo migliore, trovando il giusto compromesso tra qualità del servizio e prezzo.

Come possiamo fare per trovare la giusta azienda di traslochi ? Il primo passo è sicuramente farsi fare almeno 3 preventivi da aziende qualificate, cercando su internet o sui portali di traslochi puoi metterti in contatto con le aziende. Se l’azienda  è seria prima di presentare un preventivo manderà presso la vostra attuale abitazione, e quella dove è previsto lo scarico un preventivista, che quantificherà il lavoro da fare e gli oggetti da trasportare. Non fidatevi di chi vi presenta un preventivo senza aver prima mandato una persona a quantificare il lavoro. Se si tratta di pochi oggetti ovviamente spesso bastano anche delle foto e delle indicazioni chiare di dove e quando deve essere svolto il lavoro, ma quando dobbiamo effettuare un trasloco di più ambienti o di un intera abitazione, e necessario l’intervento  e il sopralluogo del preventivista. 

Valutate bene tutte le voci e i costi del preventivo, non basatevi solo sul prezzo, i servizi e i lavori necessari durante un trasloco sono molti, e diversi. Giusto per fare qualche esempio lo stesso trasloco dal punto A al punto B può costare anche il 40% in meno se per esempio il cliente si occuperà dell’inscatolamento degli oggetti, dello smontaggio dei mobili e del rimontaggio nella nuova casa. Valutate bene se la ditta a cui state per affidare il trasloco è in possesso di tutte le autorizzazioni necessarie, e se dispone di veicoli e scale elevatori nel caso di un trasloco difficoltoso.

Valutate anche se la ditta ha un assicurazione sul trasporto, e che quindi possa rimborsarvi nel caso qualcosa vada storto e qualche oggetto venga danneggiato durante tutte le fasi del trasloco.

2) Traslocare bene: Recuperare il materiale per l’imballaggio 

Handsome Young man working with papers among parcels at table in delivery department. online concept

Per un buon trasloco ci vuole il giusto materiale da imballaggio, procuratevi cartoni di vario genere anche presso i supermercati o grandi centri commerciali che spesso buttano tonnellate di cartoni riutilizzabili per un trasloco, così da diminuire i costi. Se non volete usare cartoni e scatole riciclate potete chiedere alla ditta di traslochi il costo del materiale di imballaggio. Procuratevi nastro adesivo per pacchi, scatole, pennarelli per scrivere il contenuto delle scatole, e poter fare così una piccola lista delle scatole da trasportare e della loro destinazione. Potete per esempio scrivere sulle scatole il loro contenuto, e la destinazione della stessa, come cucina, bagno o camera da letto. Procuratevi della pellicola protettiva o pluriball per imballare gli oggetti più fragili come stoviglie, bicchieri o oggetti in marmo o ceramica. Molto importante l’imballaggio dei mobili che durante il trasloco possono subire danni se non imballati adeguatamente.

3) Traslocare bene: Eliminare o donare gli oggetti che non ci servono

Se avete oggetti che non utilizzate più e di cui vi volete disfare potete iniziare a fare un po di pulizia e venderli o donarli ai più bisognosi. Provate magari a vendere i singoli oggetti su siti di annunci come subito.it o altro, se non riuscite a venderli potete donarli attraverso gruppi e siti che potrete trovare online, ce ne sono tanti e sempre molto con un pubblico molto attivo. In questo modo oltre a ricavare qualche qualcosa, diminuirete gli oggetti da trasportare e quindi anche il costo del trasloco scenderà sensibilmente.

4) Traslocare bene: Il giorno del trasloco

Bene se siete arrivati fin qui siete vicini alla fine di quest’avventura. Il giorno del trasloco quando i traslocatori arrivano spiega loro come sono divise le scatole e avvisali di eventuali scatole delicate(scrivete sempre fragile sulle scatole dove lo ritenete necessario).

  • Potresti voler coprire pavimenti e tappeti per il trasloco
  • Fai delle foto alla lettura dei contatori di acqua, luce e gas
  • Assicurati di non aver dimenticato nulla e che le scatole siano posizionate correttamente con le più pesanti sotto e le più leggere sopra
  • Spegni o scollega tutte le utenze domestiche
  • Fai una foto anche alla lettura dei contatori della nuova casa
  • Accertati che tutto sia arrivato senza danni
  • Appena i traslocatori vanno via la prima cosa che devi (e vorrai) fare è preparare il letto e la doccia, quindi le prime cose che vorrai tirare fuori dai pacchi saranno lenzuola e asciugamani.

5) Traslocare bene: Il giorno dopo il trasloco

  • Fai una foto anche alla lettura dei contatori della nuova casa
  • Appena i traslocatori vanno via la prima cosa che devi (e vorrai) fare è preparare il letto e la doccia, quindi le prime cose che vorrai tirare fuori dai pacchi saranno lenzuola e asciugamani.
  • Collega tutti gli elettrodomestici se i traslocatori non l’hanno già fatto
  • Anche se hai fatto pulire la nuova casa da cima a fondo prima di traslocare, è altamente probabile che durante il trasloco qualcosa si sporchi, controlla bene la casa ed eventualmente pulisci
  • Lascia una recensione per condividere la tua esperienza con la ditta che hai assunto

Se hai bisogno di un preventivo per il tuo trasloco contattaci e ti aiuteremo a trovare la giusta soluzione per te.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *